Enti

>>
A chi rivolgersi: indirizzi e riferimenti

Consumatori

>>
Scopri l'area dedicata...

Semplificazione procedimenti

PIAVe default image

Esiti attività Gruppo di lavoro Semplificazione procedure settore primario

Nell'ambito delle attività del gruppo di lavoro istituito con DGR 1932 del 27 luglio 2010, sono state elaborate proposte di semplificazione per le seguenti procedure:

  • Il riconoscimento di qualifiche relative a figure attive nel settore della produzione primaria, con particolare riferimento all'Imprenditore Agricolo Professionale (IAP);
  • Gli schemi di "Piani aziendali" che devono essere redatti a corredo di diversi tipi di domande, quali quelle per l'edificabilità in zona rurale, per il riconoscimento della qualifica di IAP e per diverse misure del PSR.

Nella seduta del 7 dicembre 2011, la Giunta regionale ha dato attuazione a queste proposte adottando rilevanti iniziative per la semplificazione dei procedimenti nel settore primario (dettagli nei box di questa stessa pagina).
I due provvedimenti sono stati adottati sulla base delle indicazioni delineate dal Gruppo di lavoro per la semplificazione delle procedure del settore primario istituito con DGR 1932/2010, la cui attività è ora confluita nella più ampia azione di semplificazione amministrativa delle procedure regionali recentemente avviata con DGR 1599 del 11 ottobre 2011.

Semplificazione "Piani aziendali"

La deliberazione n. 2112 del 7 dicembre 2011 stabilisce una modulistica uniforme per la redazione dei "Piani Aziendali" richiesti a corredo di diversi procedimenti amministrativi, ponendo le basi per ulteriori semplificazioni attraverso l'adozione di uno strumento di compilazione telematico collegato ai dati del fascicolo aziendale. In particolare, viene approvato uno schema per la redazione del "Conto Economico aziendale", da utilizzare come riferimento comune per le procedure inerenti il settore primario.
Inoltre, dispone l'adozione di uno strumento unico e modulare per la redazione dei diversi piani aziendali che abbia come presupposti:

  • l'individuazione, ovunque possibile, di quadri e parametri comuni;
  • una struttura base essenziale, che permetta un gradiente di complessità e di parametri valutativi adatti alle specifiche esigenze procedurali.

Semplificazione procedura "Qualifica di IAP"

Nell'ambito del riconoscimento delle qualifiche professionali in agricoltra e in particolare per la qualifica di IAP (Imprenditore Agricolo Professionale) sono stati definiti nuovi parametri standard per la determinazione dei tempi e dei redditi da lavoro agricolo, sulla base di una piattaforma informatica operativa attuata da AVEPA.

La procedura informatizzata, acquisendo già in fase di domanda i dati dal fascicolo aziendale, permette, nella maggior parte dei casi, la verifica pressoché automatica del possesso dei requisiti sulla base dei dati del fascicolo, consentendo di accertare in tempi ristretti la qualifica di IAP, che verrà registrata nel fascicolo aziendale e avrà valenza annuale. Un ulteriore snellimento  dell'iter istruttorio è stato ottenuto con la previsione della presentazione delle domande per il tramite del Centro di Assistenza Agricola (CAA) cui l'imprenditore ha conferito mandato per la gestione del fascicolo aziendale.

La procedura trova ora riferimento nelle disposizioni previste dalla deliberazione della Giunta n. 679 del 16 maggio 2017 di aggiornamento della procedura semplificata per la qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP).

Si richiama che, in coerenza con la Direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione e della semplificazione del 22 dicembre 2012 "Adempimenti urgenti per l'applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui all'art. 15, della legge 12 novembre 2011, n. 183", non verranno più rilasciati certificati inerenti la qualifica di imprenditore agricolo professionale da utilizzare nei rapporti con gli organi della Pubblica amministrazione e dei gestori di pubblici servizi, in quanto i certificati sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione da parte dell'interessato. Le amministrazioni interessate potranno accertare la sussistenza della qualifica direttamente presso il SUA competente, anche per via telematica.

Per approfondimenti, consulta il sito regionale alla pagina Imprenditore Agricolo Professionale.

Strutture responsabili del procedimento: Sportelli Unici Agricoli (SUA) competenti per territorio.

Semplificazione Edificabilità in zona agricola

Nell'ambito della semplificazione dei procedimenti nel settore primario, con la Deliberazione n. 2879 del 30 dicembre 2013 la Giunta regionale ha introdotto le seguenti di misure di semplificazione nel procedimento finalizzato ad ottenere l'autorizzazione ad edificare in territorio agricolo:

  • calcolo del reddito aziendale tramite l'utilizzo di valori tabellari di "redditività aziendale", facendo riferimento alla tabella che individua i redditi convenzionali utilizzati per il riconoscimento della qualifica di Imprenditore agricolo professionale (di cui alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013);
  • calcolo del reddito aziendale mediante compilazione del Conto Economico utilizzando l'applicativo BPOL (Business plan on line) solamente per le situazioni non ordinarie, cioè qualora l'imprenditore agricolo ritenga che i valori tabellari convenzionali non siano adeguati alla propria situazione aziendale;
  • nuova tabella semplificata dei "redditi soglia" in relazione alla zona altimetrica e alla tipologia di intervento (case di abitazione o strutture agricolo-produttive);
  • individuazione degli interventi per i quali è possibile prescindere dalla presentazione del Piano aziendale;
  • revisione dei modelli del Piano aziendale, con l'introduzione degli adeguamenti necessari per rendere lo stesso coerente con le semplificazioni sopra elencate;
  • modalità di inoltro del Piano aziendale: il Piano aziendale è inviato allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) contestualmente alla domanda di rilascio del titolo edilizio avente ad oggetto sia strutture agricolo-produttive che residenze, quale allegato obbligatorio della stessa; il SUAP provvede a inoltrare il Piano aziendale allo Sportello Unico Agricolo (SUA) di AVEPA per l'espressione del parere di competenza.

ATTENZIONE: Per un periodo transitorio decorrente dal 28 gennaio al 31 marzo 2014 è comunque consentita la presentazione dei Piani aziendali in forma cartacea direttamente agli Sportelli Unici Agricoli di AVEPA.

Di seguito è possibile scaricare il modello di Piano aziendale:

Ulteriore documentazione utile per il calcolo della redditività aziendale secondo i nuovi parametri è scaricabile dal sito di AVEPA.

Approfondimenti:

Semplificazione e ruolo dei CAA

È stata utile questa pagina?

voto
media: 2
(5 voti )
Segnala un errore in questa pagina